NEU AMBER ALE

RED DEAD REDEMPTION ALE


“Ucciderei chiunque per mia moglie Abigal e per mio figlio Jack. Ed ora che finalmente sono di nuovo con loro, ne sono ancor più certo. Ucciderei chiunque.
Certo è stato uno schifo girare in lungo e in largo il New Austin, il West Elizabeth e il Nuevo Paraiso, scovando e uccidendo i miei ex compagni per conto di quel bastardo di Edgar Ross, lo stronzo del Bureau che ha rapito e minacciato di uccidere la mia famiglia se non avessi portato a termine la mia missione. Una missione da vigliacchi. Uccidere la mia ex banda di criminali, da cui ero uscito per ripulirmi, per redimermi. Ma il sangue non mente e sì.. ucciderei chiunque per godermi ciò.
Ma cosa fanno, cosa vogliono questi stronzi, cazzo hanno circondato il ranch….ABIGAAL…JAAACK…VENITE QUA….ORA!!”

Chiunque abbia giocato a Red Dead Redemption è stato segnato dalla morte di JOHN MARSTON più di ogni altra morte di finzione. Cinematografica o letteraria che sia. Un eroe di un videogioco non può realmente morire. Certo assistiamo alla sua disfatta milioni di volte, ma poi premi start ed eccolo lì, di nuovo in piedi. Ma John Marston no. Edgar Ross decide di ucciderlo, nonostante tutti i favori, nonostante la redenzione. E tu sei li che premi start. Niente. E’ morto.
La differenza con i personaggi di finzione che piangiamo è data dall’empatia. Maggiore è l’empatia maggiore è il dolore. Ma qui non c’è semplice empatia. TU SEI JOHN MARSTON. E ciò cambia tutto.

Parte della storia è ambientata ad “Armadillo”, storpiatura di Amarillo, la città del Texas da cui proviene l’omonimo luppolo. E da qui prendiamo spunto per la nostra birra. Rossa come il red dead redemption del titolo, luppolata in dry hopping con dosi massicce di amarillo. Il naso è dominato dal luppolo, con soli sentori extra di biscotto a farsi spazio tra fiori e agrumi (in particolare arance). In bocca è piena con accenti di caramello, biscotto, frutta tropicale e ancora agrumi. Finale lungo e piacevolmente amaro.

E la beviamo alla tua salute John Marston. Prosit.

specifiche tecniche (?)


I commenti sono chiusi.

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑